ALPINISMO GIOVANILE


Il Gruppo di Alpinismo Giovanile del CAI Lecco opera da moltissimi anni all 'interno della Sezione rivolgendo la propria attenzione ai ragazzi dai sei ai diciotto anni proponendo l'escursionismo di montagna finalizzato al recupero della dimensione del camminare, all'acquisizione di conoscenze culturali e abilità tecniche per vivere l'ambiente montano con gioia e sicurezza.

MOUNTAIN BIKE


logo_mountain_bike_cai_lecco.png

Il neonato gruppo di Mountain Bike propone numerose attività in montagna in sella alle loro bicilcette.

ETA' D'ORO (G.E.O.)


logo_geo_cai_lecco.png

Il Gruppo GEO è un'iniziativa della Sezione CAI. Si rivolge ai Soci, uomini e donne, anche di altre Sezioni CAI, non più impegnati nel lavoro e pertanto con la possibilità di partecipare ad escursioni nei giorni feriali. Il GEO svolge attività tutto l'anno e le uscite sono il Mercoledì.

 

 

RAGNI DELLA GRIGNETTA


logo_ragni_cai_lecco.png

Pare incredibile, ma all’origine della storia del Gruppo Ragni sta l’antagonismo, o meglio il desiderio di emulare e magari superare, i grandi alpinisti lecchese resi famosi dalle imprese degli anni trenta. A cominciare da Riccardo Cassin! Eh si, perché quei ragazzi che nel quarantasei decisero di mettersi insieme guardavano con timore reverenziale i “vecchi”, che, da parte loro, finita la guerra sentivano di avere ancora molto da dire e soprattutto da fare.



SPELEO


logo_speleo_cai_lecco.png

Il G.S.L. opera da oltre 25 anni facendo attività di ricerca, esplorazione e rilevamento di grotte sia nel territorio del lecchese che in altre zone, entro e fuori Italia. Collabora con vari settori del C.A.I. prestando la propria opera tramite soci volontari anche nell'ambito del Soccorso Alpino e Speleologico, della Scuola Nazionale di Speleologia ed in altre strutture tecniche.

SCI ALPINISMO


logo_sci_alpinismo_cai_lecco.png

Fondata nel 1969, per volere della Sezione ad opera di alcuni appassionati esperti alpinisti guidati da Riccardo Cassin, ha nel corso degli anni insegnato ed accompagnato una moltitudine di frequentatori della montagna che non la conoscevano sotto l'incantevole aspetto invernale.